I Comitati dei quartieri Alessandrino, Certosa, Centocelle storica, Rustica, Quarticciolo, Rinascita via Malatesta, Torre Spaccata, Tor Pignattara, Tor Tre Teste, Villa De Sanctis, Villini Santa Maria e le seguenti realtà locali: Apolidia, Amici di Villa De Sanctis, CSL Tor Tre Teste, Legambiente “Si Può Fare”, PAC Libero, Tharos Community, Associazione Grillo Parlante

Nota sull’incontro dei Comitati di quartiere con AMA e il Presidente del V Municipio svoltosi il 9 luglio 2019.

A cura di Sergio Scalia (Cdq Alessandrino)

Dopo una presentazione degli intervenuti, il Presidente Boccuzzi dà la parola ai rappresentanti dell’AMA.

Il Dirigente AMA Bagatti inizia chiedendo scusa ai cittadini presenti perché il servizio in queste settimane non è stato all’altezza ed ha creato molti disagi nei nostri quartieri. Bagatti ricorda che a fine maggio era aumentata la raccolta differenziata e si era consolidata una maggiore regolarità del servizio. Purtroppo, un guasto all’impianto di Rocca Cencia ha bloccato per tre giorni la trasferenza. Quando il 2 giugno l’impianto è ripartito, l’azienda aveva 90 autisti in ferie. Il 3 giugno l’impianto di Malagrotta ha ridotto di 500 t/giorno la capacità e non è stata consentita la trasferenza in altri impianti. Dal 5 giugno, con l’accumulo di 53.000 cassonetti non ritirati per l’impossibilità di trasferenza, si è creato il caos. L’ordinanza regionale di questi giorni ha messo a disposizione dell’AMA altri impianti di raccolta nel Lazio, ma molti si sono mostrati poco disponibili ad accogliere tutte le quantità necessarie per smaltire il pregresso e non esiste l’esercito, come avvenne in Campania, per imporre il rispetto dell’ordinanza regionale. Per Bagatti non serve realizzare nuovi impianti perché la capacità nel Lazio è di 2.600.000 mc. Poiché ad oggi vengono utilizzati poco più della metà, sarebbero in grado di raccogliere i 700.000 m³ aggiuntivi di Roma, visto che almeno 200.000 m³ vengono già trattati negli attuali impianti AMA.

Il responsabile della pianificazione Carcassi auspica che il nuovo modello di raccolta possa essere concordato con i Comitati di quartiere. Si prevede infatti di partire a settembre con la raccolta porta a porta nei quartieri di Pigneto, la Rustica, Quadraro vecchio, Villini e Certosa. Si utilizzeranno spazi nei giardini privati e nei cortili condominiali dove posizionare i nuovi raccoglitori del porta a porta e dove questi spazi non sono disponibili si realizzeranno le “Domus Light”, piccoli recinti vicino ai condomini dove depositare i raccoglitori. Tutti i contenitori saranno dotati di RFID (chip elettronici di riconoscimento), che identificheranno l’utente e la quantità di sacchetti depositati.

I rappresentanti dei Comitati di Villa De Santis, Tor Tre Teste, Alessandrino, hanno ricordato il caos e i pericoli per la salute determinati dall’accumulo dei rifiuti nei loro quartieri e hanno sollecitato l’avvio della raccolta porta a porta anche in questi quartieri per far scomparire i cassonetti dalle strade. È stato anche evidenziato come il problema della raccolta non riguardi solo i rifiuti indifferenziati, ma anche i cassonetti di carta e plastica. Su questo aspetto Carcassi ha riconosciuto la necessità di aumentare le frequenze per la differenziata, poiché i romani hanno superato le previsioni di AMA nel conferimento di carta e plastica e ha confermato l’incremento dei cassonetti di vario tipo nel V Municipio.

È stato anche denunciato come la cattiva abitudine di scaricare in strada, materassi ed elettrodomestici non sia imputabile solo a singoli cittadini, ma anche a piccole ditte di smaltimento che scaricano dai loro furgoni notevoli quantità di scarti che dovrebbero conferire a pagamento nei centri AMA. A tale proposito il presidente Boccuzzi comunica che saranno installati delle foto trappole in alcuni punti dove questo fenomeno è più diffuso.

I rappresentanti del comitato di quartiere Torpignattara hanno mostrato scetticismo rispetto alle scadenze annunciate da Carcassi, visto che già un anno fa l’assessore Pulcini aveva annunciato l’avvio del porta a porta in quei quartieri, ma fino ad oggi nulla è partito. Gli avvocati del comitato hanno ricordato che è stata avanzata da molti cittadini una richiesta di indennizzo all’AMA per la mancata fornitura di un servizio che viene pagato profumatamente dai romani, citando le norme e gli impegni non rispettati. I rappresentanti dell’AMA hanno ribadito che già esistono delle sanzioni fatte dal Comune per il mancato rispetto del contratto di servizio e che su questa vertenza è necessario un approfondimento in altra sede.

I rappresentanti di Alessandrino e di piazza Malatesta hanno ricordato che la legge nazionale obbliga i comuni ad utilizzare impianti nella propria area metropolitana ed è necessario che anche la città di Roma si doti di un sistema adeguato di impianti, perché la Regione ha dovuto superare con l’ordinanza le resistenze degli altri Sindaci del Lazio contrari a ricevere tutti i rifiuti della Capitale. Ciò può avvenire solo in una situazione di emergenza, ma non consente di eludere le prescrizioni di legge per lungo tempo.

Molti interventi hanno ribadito che prima di parlare di Domus Light occorre riportare i quartieri alla normalità igienico sanitaria con lo svuotamento e l’igienizzazione di tutti i cassonetti, la rimozione dei rifiuti a terra e il ritorno dello spazzamento sulle strade.

All’incontro hanno partecipato anche singoli cittadini del Quadraro vecchio, La Rustica, Prenestino, che hanno voluto documentare la situazione dei loro quartieri e hanno chiesto ad AMA di svolgere appieno il ruolo che compete ad una azienda pubblica che gestisce i rifiuti della Capitale.

L’incontro si è concluso con un impegno del Presidente e dei rappresentanti AMA a stabilire delle modalità di contatto permanente con i Comitati di quartiere per avviare la raccolta porta a porta e per monitorare il funzionamento del sistema di raccolta rifiuti nelle diverse zone del V Municipio.

Nella riunione del 15 aprile 2019 verranno presentati al Presidente Boccuzzi come prioritari i seguenti punti per i differenti comitati ed associazioni.

ComitatoPrioritàAtti del Municipio
Apolidia1) Ex sala consiliare municipio V e tempi di riapertura.
2) Bocciofilo Sandro Pertini: Quale destinazione d'uso avrà? Verrà fatto un bando? Con quali tempistiche?
3) L'edificio "il Mostro" di otto piani in via della Marranella alle spalle del cinema Impero: dopo il ricorso al TAR da parte della proprietà , il comune e il municipio come si stanno muovendo?
1) Boccuzzi: Il 30 aprile dovrebbe aprire ed essere pronta la sala, le chiavi al Municipio, utilizzo condiviso con prenotazioni - 15 aprile 2019 -
2) Pulcini: Tutti i Bocciofili non legati ai centri anziani andranno a bando - 15 aprile 2019 -
3)Perfetti: 3 Piani dell'edificio saranno adibiti a Residence, gli altri a scuola di danza e ballo, ci si aspetta di realizzare una piazza dietro all'edificio in compensazione alle edificazioni.
CdQ Villa Certosa1) messa a norma del giardino liberato (che si trova tra via G. Alessi, via dei Savorgnan e via F. Paciotti),
2) sondaggio geognostico e sistemazione del sottosuolo
3) implementazione del progetto Zona 30 di cui il municipio è già conoscenza delle varie proposte progettuali.
Inoltre vorremmo richiedere una sorta di esonero che vale per tutti i comitati e riguarda i costi delle autorizzazioni e permessi per iniziative sociali e culturali.
1) Pulcini: La superficie deve essere ad area pubblica, ma questo passaggio non é mai stato fatto, il dip. Patrimonio deve fare l'atto pubblico di cessione dell'area entro il 2019. - 15 aprile 2019
2) Perfetti: Esiste un finanziamento di 200000 euro per i progetti di indagini geologiche per le aree Quadraro, Certosa, Centocelle Storica - 15 aprile 2019
3) Boccuzzi: Situazione da analizzare - 15 aprile 2019
CdQ Villa De Sanctis1) Cavità sotterranee
2) Pericolosità muro Via Labico
3) Delocalizzazione/Rimozione Rottamatore Via dei Gordiani - Teatro tenda Via R. Lombardi.
1)Completate le indagini, stabilito e finanziato l’intervento (oltre 1 milione e 300 mila euro) è stata bandita la gara per l’ “Intervento di riempimento – consolidamento di alcune porzioni di cavità presenti nel sottosuolo delle aree di Villa De Sanctis, Municipio Roma 5.” Il bando di gara, pubblicato il 28 dicembre 2018, prevedeva per il 31 gennaio 2019 il termine per la partecipazione delle offerte e il 5 febbraio la riunione della commissione per l’aggiudicazione della gara. Considerato l’elevato numero di partecipanti alla gara (oltre 100) la commissione sta procedendo alla disamina della documentazione ricevuta e finora ne ha esaminato circa il 50%. L’assessore Paola Perfetti si è impegnata a fornirci informazioni circa gli esiti dell’aggiudicazione, gli ulteriori iter procedurali e l’inizio dei lavori. - 15 aprile 2019 -

2)L’assessore Paola Perfetti si è impegnata ha richiedere un‘ indagine della protezione civile comunale per la verifica della stabilità del manufatto per poi, eventualmente, chiedere alla proprietà la sua messa in sicurezza. - 15 aprile 2019 -

3) Il Presidente Boccuzzi ha convenuto sulla necessità di smantellare le strutture del teatro tenda che dovrebbero
essere effettuate in danno (il comune l’esegue e poi si rivale delle spese sulla proprietà) ma mancano le risorse (quantificate in circa 800.000 euro) per cui al momento non si intravede la soluzione. - 15 aprile 2019 -

Rottamatore di via dei Gordiani. Il presidente Boccuzzi si è impegnato a verificare, tramite i VV. UU. le autorizzazioni tuttora in essere. 15 aprile 2019
Comitato Quartiere Alessandrino1) Progetti di viabilità esecutivi, finanziati dal 2008 (alcuni già appaltati) e non realizzati: via Onorato Ardoino, via degli Olmi, via della Bella Villa, tratto di via Bonafede,
2) Il PRINT dell'Alessandrino (Programma Integrato urbanistico), approvato nel 2008 e ripreso nel 2018 per interventi a stralcio, che consentirebbe la realizzazione con gli oneri accessori di importanti opere come il Centro Culturale della Città Alessandrina, la piazza del colle Alessandrino, la passeggiata Alessandrina e la sistemazione dell’area di via dei Meli;
3) Gli interventi concordati sulla piazza dell'Acquedotto Alessandrino che prevedono di ripristinare i getti d'acqua e il verde; di mettere in sicurezza i camminamenti e le caditoie; di potenziare l'illuminazione pubblica.
- per i lavori di via Ardoino e della Piazza dell'Acquedotto con la fontana il presidente ha comunicato che è prossimo l'avvio dei lavori, ma non ha voluto precisare la data per evitare falsi annunci. Sulle altre opere si spera di recuperare fondi dal PRINT Alessandrino, il cui iter è ancora in corso e ci saranno incontri con la SIndaca e l'Assessore Montuori per definire le procedure.
- Sulle opere da realizzare e sul PRINT ci sono stati numerosi incontri e sollecitazioni del comitato di quartiere, che hanno portato anche a una risoluzione sul PRINT approvata dal Consiglio Municipale all'unanimità.
- Le risposte, specialmente sul PRINT non sono soddisfacenti. Senza l'individuazione di tempi e procedure precise, i proprietari delle aree si stanno orientando all'intervento diretto sulle aree edificabili, vanificando il progetto della piazza e delle strutture realizzabili. Pensiamo quindi di far partire una petizione a Sindaca e Consiglio Comunale e una mobilitazione del quartiere per non perdere fondi e spazi derivanti dal PRINT.
- 15 aprile 2019 -
Centocelle Storica1) Realizzazione di un sistema di sensi unici sulla maggior parte delle strade del quartiere in modo da ottenere un maggior numero di parcheggi (a spina). spazi per le alberature e marciapiedi più ampi, utilizzabili anche dai ciclisti,laddove è possibile.
2) Rotatoria tra Via Casilina e Via tor dè Schiavi, per ottimizzare l'accesso ed il deflusso veicolare dal quartiere.
3) Rotatoria all'incrocio tra Via dei Glicini e Via della Primavera.
La Rustica1) Area ecologica nel V Municipio di via Guidi, annunciata più volte dal Comune e dal Municipio ( assessore Pulcini) e di cui non si sa più nulla, opera necessaria a tutta l'area Est . Per eliminare degrado e creare decoro!!!
PAC LiberoPer quanto riguarda PAC Libero l'unico intervento che il Municipio V potrebbe effettuare, per altro piuttosto semplice, è la realizzazione di un secondo ingresso al Parco su V.le Palmiro Togliatti civico 445 in seguito alla recente demolizione di alcune costruzione abusive da parte di Roma Capitale su ordine della Procura della Repubblica. La cosa è stata più volte richiesta, ma mai realizzata.
Rinascita Via Roberto Malatesta1) Sicurezza: Riparazione e messa in sicurezza tombino senza coperchio, sito in via R. Malatesta, al centro della strada nel terrapieno dove vengono parcheggiate le auto, altezza N.C. 58
2) Verde: nelle tre piccole aree cementate (entrata/uscita strada e affaccio via Ubertini ex giornalaio) apporre grandi piante verdi che formino grande cespuglio anche fiorito x intera area (es.oleandri), potatura alberi che creano insicurezza dovuta alla loro altezza, consentendo cosìl'accesso agli appartamenti fino ai quarti piano.
3) Cura spazi comuni: Far intervenire gestore verde via degli Ubertini per pulizia; potenziamento prato; riparazione e apposizione altre panchine;cura/potatura/concimazione alberi e posa in opera altri ai due lati giardino
Tor Tre Teste1) Mezzi pubblici, (il quartiere è servito da un solo autobus 556)
2) Servizi urbani AMA carenti, (aumentare i passaggi per lo svuotamento dei cassonetti per carta cartone e plastica e pulizia intorno ai cassonetti.)
3) Strade rovinate all'eccesso, (il manto stradale è rovinato e e strade sono piene di buche)
Torpignattara1) Messa in sicurezza Via Labico - Via di Porta Furba -Via Tor Pignattara angolo Via Aicardi
2) Cantiere Villa de Sanctis ( casale), quale destinazione? Francescone si era interessata, ci sono novità?
3) Creazione nuove piazze? Nostri progetti? Galleria Via Alessi e il mercato LAPARELLI?
Villini Santa Maria1) Sicurezza di via Formia, resa di via Formia a senso unico con apertura di via Norma su via portici per il senso opposto
2) Mezzo Pubblico per il quadrante
3) Controllo dei lavori di bonifica delle cavità del sottosuolo
Viverecoassociazione1) Parco Palatucci Tor Tre Teste Alessandrino e altri punti verdi con rami e alberi tagliati in stato di abbandono e panchine distrutte.
2) La strada di Via Olcese che porta alla scuola “Madre Teresa di Calcutta” è talmente stretta che due ambulanze in senso inverso non passano.
3) Spesso manca l’illuminazione pubblica in Via Viscogliosi, Via Tovaglieri, Via Cadola, Via Ermoli soprattutto in caso di pioggia.

Il 10 gennaio oltre 20 tra comitati e associazioni del Municipio Roma V si sono riuniti per confrontarsi sui problemi del territorio e sul rapporto con l’istituzione di prossimità

È emerso un quadro sconfortante. Tutti i presenti (dall’Alessandrino a Centocelle, da Tor Tre Teste a Malatesta) hanno lamentato un totale disinteresse da parte delle istituzioni riguardo le istanze locali, una sostanziale incapacità di affrontare in modo produttivo i problemi e una buona dose di opacità nei percorsi amministrativi. A ciò si aggiunge l’assenza della tanta sbandierata partecipazione e soprattutto un atteggiamento di chiusura nei confronti delle realtà locali e di mancanza di trasparenza.In merito a quest’ultimo punto è emerso chiaramente che il Municipio ha assunto un atteggiamento di completa chiusura, se non aperta ostilità, nei confronti dei comitati. La tanto decantata collaborazione civica che, rimbalza come un mantra nei post di alcuni assessori, si scontra con un dato di realtà totalmente differente: tra il “palazzo” e il territorio esiste una spaccatura insanabile. A fronte di problematiche che in vacanza di intervento continuano a peggiorare. 
A fronte di questa situazione le diverse realtà hanno deciso di costruire un coordinamento di comitati che promuova in ogni sede le istanze territoriali, la partecipazione civica, la collaborazione tra le diverse articolazioni delle comunità. Verrà costruita una mailing list per agevolare la comunicazione, verrà condiviso un calendario di incontri e creati dei tavoli di lavoro per approfondire specifiche tematiche. Solidarietà in rete, coordinamento nelle battaglie comuni e mutuo sostegno su vertenze e progetti. 

I Comitati dei quartieri Alessandrino, Certosa, Centocelle storica, Rustica, Quarticciolo, Rinascita via Malatesta, Torre Spaccata, Tor Pignattara, Tor Tre Teste, Villa De Sanctis, Villini Santa Maria e le seguenti realtà locali: Apolidia, Amici di Villa De Sanctis, CSL Tor Tre Teste, Legambiente “Si Può Fare”, PAC Libero, Tharos Community, Associazione Grillo Parlante